Percorso

 

bimbi

 

 

 

Il lavoro di contatto realizzato dagli alunni della classi 1^A a. s. 2019/2020

Scuola secondaria I°grado Campora S. Giovanni

Il tedio e la noia non hanno sopraffatto i ragazzi della classe 1^A , dal giorno in cui sono stati allontanati con uno strappo alla scuola hanno sempre mantenuti vivi i  contatti fra di loro e con i Docenti.

La scuola, palestra di vita e di risorse  sempre nuove, è venuta a mancare , ma non il senso di continuare il legame con le nuove scoperte e le conoscenze , sono stati attuati tutti i mezzi per interagire e sempre Loro i nostri ragazzi hanno tirato fuori energie e capacità di osservazione, analisi e competenze. Ognuno ha saputo esprimere con parole semplici i pensieri emozionali nati nei momenti di solitudine e di forzato allontanamento. Sono eccezionali hanno una carica vera e ricca queste sono le risorse che servono per il prossimo domani, un domani diverso dedito alla ricostruzione e anche alle incertezze. Ora godiamo il piacere di sentire le voci  di dentro:

Samira – Le giornate non sono vissute più allo stesso modo..Le nostre abitudini stanno cambiando….Ma una cosa positiva c’è, stiamo con la nostra famiglia. Ma c’è anche la tristezza di non poter uscire e di sentire le cose brutte che stanno succedendo…Ma  la speranza in noi e il sorriso che abbiamo non sene andranno mai..Mi mancano le lezioni…Enzo- Siamo costretti a rimanere in casa senza poter uscire . non ci crederete , ma mi manca la scuola. Ludovica - In questo periodo molto triste , le mie abitudini sono completamente cambiate, ero abituata a ritmi veloci i giorni e le settimane trascorrevano velocemente. Ritrovarmi chiusa in casa mi ha fatto apprezzare come’era bella la libertà . Greta - sono dei giorni un po’ particolari per tutti . Le nostre giornate non sono più le stesse…,spero che presto potremo tornare alle nostre abitudini, che a volte ci sono sembrate così pesanti e oggi invece ci mancano. Mariariata – Questo brutto virus ci ha cambiato la nostra vita… ho tanta nostalgia  delle nostre giornate a scuola e ogni giorno spero che tutto torni come prima, al più presto. Intanto resto a casa con la mia mamma e almeno questa è una cosa bella. Gaia – In guesto periodo siamo tutti chiusi in casa, spero tanto che questa cosa finisca presto , per riabbracciare tutti i compagni e i professori. Mi manca tanto la scuola. Matteo – In queste lunghe settimane ho capito la gravità della situazione che sto vivendo quando mio padre non è andato più a lavorare e mia madre guardava continuamente il telegiornale, lì ho cominciato a capire che questo virus è pericoloso. Sofia – In questi giorni sono triste perché non posso vedere i miei amici e non posso uscire , in compenso posso riscoprire le cose belle che posso fare in famiglia…Luca – E’ una situazione molto difficile perché le nostre giornate sono cambiate ; speriamo di ritornare al più presto a scuola…Giulia – In questo momento è come se stessi vivendo un film, un genere di film pittosto brutto, ma dobbiamo ricordare che accanto ai nostri cari tutto passerà. Alessio -  da quando c’è questa emergenza e siamo tutti in casa mi mancano tutti i miei amici i miei cugini i miei nonni , le uscite con loro. Ho capito quanto sono belli i loro legami e mi spavento se li dovessi perdere….Alessia – Siamo chiusi in casa da giorni perché c’è un virus chiamato coronavirus o covid 19 . A me non piace stare chiusa in casa , però ci dobbiamo rimanere per la nostra salute , finchè non finisce questo brutto periodo. Mi manca la scuola e mi manca non vedere i miei compagni.

I loro pensieri liberi ci fanno riflettere su quello e quanto percepiscono dal mondo……..

 

 

Inizio pagina